L’ETA’ NON E’ UN LIMITE PER L’ATTIVITA’ SESSUALE

Una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori dell’Istituto di Neuroscienze di Goteborg (Svezia),  pubblicata sulla rivista British Medical Journal, stabilisce che il sesso migliora con il passare degli anni (NdS attenzione, però a non sforzarsi troppo). I risultati effettivamente sono sorprendenti perchè, nonostante gli acciacchi della vecchiaia, la vita sessuale dei 70enni di oggi e’ molto piu’ attiva di quanto pensato finora. Le donne raggiungono piu’ spesso l’orgasmo e gli uomini hanno molta meno ansia da prestazione. Tutto questo probabilmente per via di una maggiore consapevolezza della propria sessualita’. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno intervistato sulle loro abitudini sessuali un campione di 1.500 settantenni negli ultimi 30 anni. Il primo colloquio e’ stato fatto nel 1971 (con quelli nati tra il luglio del 1901 e il giugno del 1902), il secondo nel 1976 (con quelli nati tra il 1906 e il 1907), il terzo nel 1992 (con quelli nati nel 1922) e il quarto 2001 (con i nati nel 1930). Dai dati e’ emerso che nel corso degli anni il numero dei rapporti tra i ‘coniugati’ e’ aumentato passando dal 52 al 98 per cento negli uomini, e dal 38 al 56 per cento nelle donne. In aumento anche i rapporti sessuali dei ‘single’, passati dal 30 al 54 per cento negli uomini e dallo 0,8 al 12 per cento nelle donne. Ma non e’ solo la quantita’ a essere migliorata. Le donne che hanno partecipato alla ricerca, e che adesso hanno piu’ di 70 anni, si ritengono sessualmente piu’ soddisfatte di quelle che avevano la loro eta’ nel 1970. Se cio’ non bastasse, le intervistate hanno anche riferito di avere piu’ orgasmi. La soddisfazione sessuale dell’uomo, tuttavia, non e’ alla pari a quella delle donne. Ma almeno adesso “hanno meno problemi a riconoscere le proprie carenze a letto, qualcosa che prima non si osava fare”, hanno sottolineato i ricercatori. Inoltre, i disturbi sessuali si sono evoluti con il tempo. E’ in calo il numero di uomini 70enni con disfunzioni erettili, ma la maggior parte di loro soffrono di eiaculazione precoce, uno dei problemi piu’ comuni nei piu’ giovani. “Il sesso fatto a questa eta’ e’ importante e positivo”, ha concluso Nils Beckman, coordinatore dello studio.

il piccolo medico

il piccolo medico

il piccolo medico

Ne ho letto la recensione e m’ha incuriosito, mi sa che mi tocca leggere questo libro. :-)

Dietrich Grönemeyer (professore di Radiologia e Microterapia all’Università di Witten/Herdecke – Germania, ha fondato a Bochum l’Istituto Grönemeyer per la Microterapia, di cui è presidente) è sinceramente convinto che alla medicina verrà chiesto sempre di più di saper coniugare tecnologie avanzate, rimedi naturali e un po’ di cuore. E di mettere al centro di tutto la persona. Questo libro è un racconto di fantascienza ambientato nel nostro presente, e tuttavia vuole offrire una panoramica delle più suggestive scoperte scientifiche che l’umanità è sul punto di realizzare. Il piccolo medico, un ragazzo di nome Nanolino, ha una nonna saggia, prodiga di consigli pratici e antichi medicamenti naturali. Ma un giorno Nanolino conosce il Dottor X, e scopre quali orizzonti si stanno aprendo per la medicina moderna. E quando incontra la sua assistente, una ragazza technofreak che ha inventato uno strumento molto, molto particolare, il giovane protagonista – e con lui il lettore – inizia un viaggio straordinario all’interno di quel fantastico mondo che è il corpo umano.
I GIUDIZI
“Una favola moderna sulla medicina, un appassionante viaggio alla scoperta del corpo umano che risveglia negli adulti la gioia di vivere dei bambini.”
Die Literarische Welt
UN BRANO
“Questa vita è meravigliosa e ogni essere umano è unico…» ecco cosa pensa il piccolo medico. Fedele a questo motto, si appresta a godere la vita in ogni suo aspetto e a svelarne i segreti. Lo attendono avventure davvero fantastiche: spettacolari voli in picchiata attraverso gole giganti e gallerie sotterranee, combattimenti contro mostri e commando assassini, incontri con robot in miniatura e macchine mai viste prima.
Il piccolo medico può farsi molto, ma molto piccolo, ancora più piccolo di quanto già non sia. Può diventare quasi invisibile. Dovrai stare attento a non inghiottirlo! «Ehi, ma dove è finito?» si chiede l’amica technofreak. Ma è troppo tardi. Il piccolo medico sta già esplorando le bellezze infinite di un continente tutto da scoprire: il corpo umano.
Cos’è veramente uno strappo ai legamenti? Cosa fare quando si ha il mal di gola? E quando si è preoccupati per qualcosa? Ma anche, come preparare una tisana contro il mal di pancia? Questo e altro ancora è ciò che imparerà il piccolo medico nel suo viaggio attraverso il corpo umano. E voi potrete scoprirlo in questo libro.”

IL PICCOLO MEDICO – La storia strabiliante di un viaggio nel corpo umano
Dietrich Grönemeyer
LONGANESI
Pagine:
352
Prezzo: € 24.00

mai più extracomunitari

Il Meeting di San Rossore, che si tiene giovedì 10 e venerdì 11 luglio 2008, avrà al centro la lotta al razzismo. E per cancellare il manifesto degli scienziati razzisti del 1938 che portò, poi, alla promulgazione nel settembre dello stesso anno delle leggi razziali firmate da Vittorio Emanuele III proprio a San Rossore, sarà presentato il manifesto degli scienziati antirazzisti. I temi della cultura contro ogni razzismo, del dialogo, della convivenza e del rispetto reciproco, «con un confronto tra intellettuali, esperti, scienziati e religiosi », saranno al centro del meeting «perché la cultura della paura dell’altro si vince solo con la conoscenza», ha spiegato il presidente della Regione, Claudio Martini. Tra le presenze annunciate quelle del premio Nobel Dario Fo, Walter Veltroni, oltre a Yolanda Pulecio de Betancourt, madre di Ingrid.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.898 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: