inquinamento e rischio di trombosi venosa profonda (TVP)

Per ogni aumento medio di 10 microgrammi di particolato per metro quadrato della zona in cui si vive, il rischio di trombosi venosa profonda (TVP) aumenta del 70 per cento. E’ quanto afferma una ricerca diretta da Andrea Baccarelli, dell’Università di Milano e della Harvard School of Public Health, pubblicata su JAMA (Vol. 299 No. 18, May 14, 2008).

pm10 e trombosi venosa profonda

Lo studio è stato condotto su 870 pazienti lombardi colpiti da trombosi venosa profonda e su 1210 soggetti di controllo.

I soggetti sono stati assegnati a nove differenti aree di soggiorno, per le quali sono state valutati i livelli di concentrazione media per metro quadrato del particolato fine (PM10) nel corso dell’anno precedente alla diagnosi della patologia o della presa in carico nello studio. Dopo aver adottato correzioni nei dati per escludere altri fattori ambientali e sanitari, si è notato che per ogni aumento di 10 microgrammi per metro quadrato di particolato, il rischio di trombosi venosa profonda aumenta del 70 per cento, poichè il sangue dei soggetti esposti sperimentalmente a elevati livelli di particolato mostra la tendenza a coagulare più velocemente.

Inoltre si è notata una prevalenza di formazione di coaguli negli uomini, mentre l’effetto pare sparire nelle donne che assumono contraccettivi orali o che seguono una terapia ormonale. Le terapie ormonali aumentano il rischio di sviluppare trombosi venosa profonda, ma costituiscono un fattore di rischio totalmente indipendente dal livello di PM10 preso in esame dallo studio. “Data l’entità degli effetti osservati e l’ampia diffusione del particolato inquinante, la nostra ricerca introduce un nuovo e comune fattore di rischio nella patogenesi della trombosi venosa profonda e, allo stesso tempo, dà ulteriore sostanza alla richiesta di standard più rigorosi e di un aumento degli sforzi volti a ridurre l’impatto degli inquinanti atmosferici sulla salute umana”, ha osservato Andrea Baccarelli.

Aggiungo una NdS: sarà che sostanzialmente ha ragione Maurizio Pallante, il cui libro La decrescita felice ho appena terminato di leggere ?

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.895 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: