Nasce l’ISPO

L’assemblea del Consiglio Regionale – su 44 votanti – ha espresso 33 voti a favore e 11 astenuti dando di fatto il via all’Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (Ispo), decretando la gestione liquidatoria del Cspo.

Continua sul sito del Consiglio della Regione Toscana >>>>>

NdS: il CSPO è noto familiarmente all’utenza fiorentina come CISPO, di fatto è stato trasformato i’ ccispo in ispo . . . 😉

comunicazione della diagnosi

arrivo a lavorare e riconosco una delle pazienti che attende in sala (volto conosciuto, non mi viene in mente il nome, ho memoria che è una tumorale che torna a controllo periodico).
Quando arriva il suo turno ci salutiamo e, andando via, mi dice che è contenta di avermi ritrovato perchè omissis ….
Ovviamente mi fa molto piacere ed al tempo stesso sono perplesso perchè, riassumendole le conclusioni, noto che resta interdetta riguardo ad un reperto già visto e rivisto come se per la prima volta le si comunicasse questo dettaglio.
Siccome l’ho vista io in passato, varie volte mi sorprende di dover rispiegare – come se non fosse mai stato comunicato – un particolare diagnostico (NdS i pazienti oncologici sono estremamente attenti a tutti i dettagli, particolarmente provati dalla sfida che gli si presenta quotidianamente).
Della serie non basta comunicare e spiegare, bisogna esser pronti a farlo di nuovo come se in passato nessuno avesse mai fatto il lavoro di comunicare, spiegare, tranquillizzare ….

a cena con IL politico

ieri sera sono stato a cena con un politico che s’interessa di sanità per cercar di capire qualcosa del futuro, in relazione ai noti problemi di uno degli Istituti in cui lavoro; molto gentilmente ci (eravamo in tre colleghi) è stato fissato un appuntamento e siamo andati a chiacchierare e scambiare informazioni ed idee a cena in un elegante ristorante del centro.
La mia visione della sanità è quella di chi sta sulle barricate, lavoro a stretto contatto con il pubblico confrontandomi con i problemi economici ed organizzativi che rendono (non sempre, per fortuna) la vita dura ai professionisti, agli addetti del settore e – ovviamente – agli utenti dei servizi .
E’ stato interessante confrontarsi con una persona che, per lavoro, ha una visione molto ma molto più ampia del problema e che, nonostante questo, mi è parso avere idee chiare ed una visione lucida dei problemi e delle dinamiche che caratterizzano il nostro lavoro quotidiano.

screening carcinoma della cervice uterina

è disponibile, liberamente e gratuitamente, online il corso e-learning sullo screening del carcinoma della cervice uterina pubblicato prima dell’inizio del programma di vaccinazione ‘anticancro’ di cui si parla nel post precedente

vaccinazione contro il tumore del collo dell’utero: i primi dubbi

Ovviamente si iniziano a levare voci contrarie ad una pratica di sanità pubblica che presenterà (come tutte le pratiche di sanità pubblica, purtroppo) qualche evento avverso.
———–
La vaccinazione contro il tumore del collo dell’utero, che parte in Italia proprio in questi giorni e coinvolge le ragazze di dodici anni, suscita perplessità. È l’agenzia europea del farmaco, Emea, a prendere la parola per riferire il decesso di due giovani che si erano sottoposte alla vaccinazione contro il Papillomavirus, primo responsabile del carcinoma della cervice uterina; sempre l’Agenzia europea del farmaco precisa però che considera, sulla base dei dati scientifici disponibili, i vantaggi del siero superiori ai rischi.
continua su il Giornale di sabato 26 gennaio 2008

vaccinazione contro il tumore del collo dell’utero

(8 febbraio 2007) l’Italia sarà il primo Paese europeo a garantire il vaccino gratuito contro il cancro alla cervice uterina: La delibera assunta dall’AIFA sul vaccino per la prevenzione del papilloma virus (HPV) dà il via alla vaccinazione pubblica contro il virus responsabile del tumore alla cervice uterina che provoca ogni anno oltre mille morti. Le informazioni scientifiche oggi disponibili dicono che questo vaccino è sicuro, ben tollerato ed in grado di prevenire nella quasi totalità dei casi l’insorgenza di un’infezione persistente dei due ceppi virali responsabili attualmente del 70% dei casi di questo tumore. Con questa iniziativa, rivolta gratuitamente alle giovani al compimento del 12° anno di età, si completa l’opera dei servizi di prevenzione del Ssn contro il carcinoma della cervice uterina che già oggi prevede appositi programmi di screening periodico per le donne tra i 25 e 64 anni attraverso l’esecuzione di un pap test ogni tre anni.

Google Health

da www.motoridiricerca.net
Il popolare motore di ricerca sta per entrare nella mischia con Google Health, servizio di ricerca di Google specializzato per informazioni mediche. E’ evidente che questa nuova possibilità avrà grosso impatto sul rapporto medico-paziente, spero in positivo, non posso negare che intuisco anche che genererà (spero pochi) problemi.
Inserendo una parola in lingua inglese con riferimenti di carattere sanitario compariranno alcune possibilità, in testa ai risultati, per restringere il campo della ricerca.
I gruppi di informazioni sono tre:
Condition info: contiene informazioni su trattamento, sintomi, modalità di diagnosi e fattori di rischio per una malattia
Misc: contiene informazioni di carattere generale selezionate tra documenti di ricerca, notizie, forum e immagini
Info type: le informazioni sanitarie sono categorizzate in base ai destinatari, siano medici, pazienti o relative alle medicine alternative

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: