HIV: la circoncisione sembra ridurre il rischio di contagio

Lo conferma uno studio realizzato in Uganda dall’equipe diretta da Godfrey Kigozi, ricercatore che sta realizzando nel Paese un programma internazionale appoggiato dall’Oms, sugli effetti a lungo termine della circoncisione maschile sul contagio dal virus dell’Aids. La ricerca, in particolare, ha dimostrato che il rischio di infezione aumenta quanto più è estesa la superfice del prepuzio, ed è stata condotta su un gruppo di uomini della comunità di Rakai (Uganda). Tutti i partecipanti allo studio erano sieronegativi, successivamente sono stati circoncisi e i medici hanno misurato la superfice asportata. Si è osservato così che il tasso più alto di sieroconversione (ovvero il passaggio alla sieropositità) si registrava in chi aveva il prepuzio più grande, indicando che questo tessuto, normalmente asportato con la circoncisione, è più vulnerabile al virus.
La circoncisione maschile è stata indicata dall’Organizzazione mondiale per la salute (Oms) come misura di prevenzione dell’Hiv già da alcuni anni, ma al momento un programma di circoncisione su vasta scala non è stato attuato. Molti Paesi dell’Africa sub sahariana, dove l’infezione da Hiv è diffusissima, hanno però cominciato ad elaborare politiche e strategie ad hoc.

Kigozi G et al
Foreskin surface area and HIV acquisition in Rakai, Uganda (size matters).
AIDS, 2009 Oct 23;23(16):2209-13

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: