non camminavo

More about Il fotografotornando a casa ho visto un elicottero che ronzava, inquietante, sulla mia testa e mi è tornato in mente un giovane paziente che ho visitato qualche giorno fa: nato e cresciuto in Afghanistan, da qualche anno vive in Italia . . .
Mi è tornato in mente perchè ho appena finito di leggere un libro-capolavoro, una sintesi eccellente di graphic novel e foto vere: Emanuel Guibert racconta il viaggio del fotogiornalista Didier Lefèvre in Afghanistan, al tempo dell’invasione sovietica.
Il libro è stupendo, avvincente, ti cala completamente nella realtà che ha vissuto il reporter (e che vivono, tuttora, gli operatori delle ONG – Medecin sans Frontieres nello specifico) nell’accompagnare un’equipe di medici che viaggiava per raggiungere l’ospedale afghano in cui avrebbe lavorato a lungo.
Ebbene il ragazzino, pacatamente, narra che da bambino, ad un certo punto, non ha più camminato.
Per qualche anno.
Poi è guarito, a vederlo ora è un giovane normale, senza apparenti problemi; va via, tra l’altro, con i miei sinceri complimenti per la sua padronanza dell’italiano.
Perchè l’elicottero civile che mi girava sulla testa, tornando verso casa, mi ha fatto pensare al mio giovane paziente afghano ?
Leggete il libro, e capirete . . .

se volete un indizio, eccovelo

E se volete leggere un’altra, profonda, riflessione riguardo agli interventi umanitari o le missioni di pace, cliccate qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: