TAC e cancro: rischio-beneficio nella diagnostica per immagini

ne parlavo, pochi giorni fa, con una mia amica/paziente che dovrà sottoporsi a qualche anno di follow-up oncologico: meglio l’ecografia o la TAC ?
Beh, molto meglio la TAC (per sensibilità ed accuratezza) per la ricerca di localizzazioni secondarie di malattia!
Ma, come sempre (nella vita ed in medicina, per non far eccezioni) non è tutto oro quel che luccica . . .

la TAC ed il rischio di cancro

la TAC ed il rischio di cancro

leggete l’articolo di Eugenio Picano Rischio-beneficio nella diagnostica per immagini impatto dell’utilizzo di radiazioni ionizzanti di cui riporto parte delle conclusioni: Sebbene non sia possibile una valutazione diretta dell’incidenza di cancro nei singoli pazienti sottoposti a queste procedure, il rischio stimato, ad esempio di un’angio-tomografia coronarica, per un uomo di 50 anni, è di circa 1 cancro su 750 pazienti. Questo rischio aumenta di oltre il 35% nella donna adulta (1 cancro su 500), si dimezza nell’ottantenne (1 su 1500) e aumenta di 4 volte nel bambino di età <1 anno (1 su 100 nella bambina, 1 su 200 nel bambino). Tale rischio è accettabile per un gruppo di soggetti opportunamente selezionati per esami appropriati e mirati, ma diventa meno accettabile quando quella stessa procedura viene proposta come esame a tappeto senza valutare il rischio in contrapposizione al beneficio atteso.

Ne avevo già parlato in questo precedente articolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: