W l’Italia ovvero degli Ospedali psichiatrici giudiziari OPG

Immagini da brivido, da terzo mondo, quelle proiettate nella Sala Nassirya del Senato, riprese durante i blitz della Commissione d’inchiesta sul Ssn di Palazzo Madama negli Ospedali psichiatrici giudiziari della Penisola.
Oltre i cancelli di queste strutture, sei su tutto il territorio, inizia un viaggio che riporta indietro di 80 anni, ai “tempi del Codice Rocco che istituì i manicomi e, dunque, gli Opg”, ricorda Ignazio Marino, presidente della Commissione, in prima linea in questa “battaglia di dignità”.
La malattia mentale resta uno stigma, una ferita da nascondere alla società tanto più se ha portato con sé aggressioni o, peggio, omicidi. Ma dietro i cancelli di ciascuno degli Opg non si trovano solo autori di crimini efferati: c’è chi si è vestito da donna ed è andato davanti a una scuola 25 anni fa, chi nel ’92 ha fatto una rapina da settemila lire in un’edicola fingendo di avere una pistola in tasca. Molti di loro hanno commesso un reato punibile con pochi mesi di prigione, come l’ingiuria. Senza immaginare di finire in un vero e proprio film dell’orrore purtroppo reale, e trovarsi a scontare un vero e proprio ergastolo bianco.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: