una tragedia greca

Maschera di Dioniso conservata al Louvre - da Wikipedia

dati da fonti ufficiali, ovvero dai documenti presentati dal governo greco e dalle statistiche Ue sul reddito e le condizioni di vita – in Grecia – nel periodo che va dall’inizio della crisi del 2007 fino alla prima metà del 2011.

– i bilanci degli ospedali pubblici sono stati tagliati almeno del 40%
 – è aumentato il numero di accettazioni (del 24 % nel 2010 e dell’8% nella prima metà del 2011) perchè sempre più persone non possono permettersi di rivolgersi a strutture private (il numero di accettazioni negli ospedali privati è diminuito del 25-30%)
– gran parte della popolazione ha  difficoltà a pagare i 5 Euro di ticket per la degenza in un ospedale pubblico.
– molte ditte farmaceutiche hanno interrotto le forniture agli ospedali pubblici, in quanto non più in grado di pagare i debiti.

Mathias Mors, rappresentante della Commissione europea in Grecia, ha ribadito il 12 ottobre scorso, in un’intervista rilasciata al giornale greco Kathimerini, la necessità di ulteriori tagli alla sanità pubblica.

leggete l’articolo, su il fatto quotidiano, che fa riferimento a

Alexander Kentikelenis et al
Health effects of financial crisis: omens of a Greek tragedy
The Lancet, Volume 378, Issue 9801, Pages 1457 – 1458, 22 October 2011

Annunci

tagli tagli tagli

400 americani controllano l’intera ricchezza disponibile alla metà del resto della popolazione

interrompo la serie umoristica della domenica per una riflessione su temi di economia: che c’entrano i soldi (che, pare, non ci sono più: voi ci credete ? ) con la mela al giorno che toglie il medico di torno ?
Dice l’antica saggezza che senza soldi non si cantano messe, ovvero che se la coperta inizia ad esser troppo corta capita che, come m’è successo di sperimentare, di recente, uno che vuole fruire dell’esenzione dal pagamento ticket a cui ha diritto debba partire da Borgo San Lorenzo per fare l’ecografia a Signa, come spesso ne ho visti che varcavano l’appennino per venire a fare ecografie dalla virtuosa Emilia Romagna in Toscana . . . . .
Per cui metto su un pò di rassegna stampa economica: alcuni dei più interessanti articoli che ho letto ultimamente per cercare di capire (si potrà poi realmente far qualcosa?) dove stiamo andando a parare !

L’Euro e la (lucida?) follia di Berlusconi

La favola bella della Bce

Il trucco del Fondo salva-stati

La soluzione islandese

IL MIO INQUILINO SCOMODO di GIAMPAOLO TAITI

IL MIO INQUILINO SCOMODO, presentazione del libro di GIAMPAOLO TAITI
5 Novembre ore 10
Biblioteca Nazionale di Firenze
”Giampaolo Taiti riesce a far volare nella vecchia Europa e a trascinarlo nella lontana e calda Tunisia il suo “inquilino scomodo”; non gli permette di modificare i programmi e le attese, lo domina o, semplicemente, si lascia accompagnare come da un cane al guinzaglio. Ci sono anche i giorni della solitudine o degli acciacchi fisici o delle attese in ospedale, ma tutto viene vissuto come preludio ad una nuova avventura, al viaggio, alla conoscenza, senza mai dimenticarsi “dell’inquilino scomodo” che preme, vuole spazio, forse vuole vincere la battaglia contro lo sfratto..”

INTERVENGONO:

GIAMPAOLO TAITI: Autore

PROF. ROSSI FERRINI: Ematologo e Presidente Onorario di AIL Firenze

SILVIO FUSARI: Presidente di AIL Firenze

PERFORMANCE DELLE PERSONE/LIBRO di Firenze dell’Associazione Donne di Carta.

L’autore ha devoluto completamente i diritti d’autore all’AIL di Firenze per sostenere le sue attività di accoglienza gratuita, ricerca scientifica, assistenza domiciliare gratuita.

l’industria del cancro della prostata, ovvero della inutilità del dosaggio del PSA

beh, non lo dico io: lo afferma una prestigiosa rivista di economia inglese, the Economist (articolo integrale, in inglese Difference Engine: Blissful ignorance).
MEN in America, Europe and other developed regions of the world have a 16% chance of being diagnosed with prostate cancer at some point during their lives—and yet they have only a 3% chance of dying from the disease. Despite the statistics, an industry has grown up around treating prostate cancer which, in most cases, would be best left well alone. The problem is finding the few instances where the cancer is aggressive enough to spread. Unfortunately, lacking better diagnostics, 48 men have to be needlessly treated—at considerable discomfort and possible change in lifestyle for the worse—so that one man’s life may be spared.

il pedicure ittico è un rischio per la salute !

itti-pedicure (da telegraph.co.uk)

ossignorebenedetto !
Ma veramente la realtà supera, sempre più spesso la fantasia !!
Bene, se siete appassionati di pedicure ittico sappiate che se siete affetti da diabete o da psoriasi sappiate che farsi smangiucchiare i piedi dai pesci Garra Rufa può generare qualche problema inaspettato !
Potrete pensare stia dando i numeri: leggete l’articolo sul telegraph per convincervi che è tutto vero !

fumare fa male ?

non irritano la gola !

beh, ogni tanto capita anche lo gnorri che te lo chiede: Dottore, devo smetter di fumare ?
Non bastano evidentemente le avvertenze sui pacchetti di sigarette (te le vendo e ti dico che ti potrebbe venire il cancro, l’infarto, l’ictus!) per convincere il tabagista che farebbe bene a smettere !
Incredibile ma vero: basta andare un pò indietro con gli anni per trovare pubblicità ingannevoli come questa (e le altre, tratte da una bella galleria del  telegraph).

fumare costa

no smoking !

oltre a tutto ciò che si può, allegramente, procurare (cardiopatia, ictus, pneumopatie, cancri vari) fumare alleggerisce significativamente il portafogli: cliccate su questo link, fate i vostri conti e pensate a quante vacanze (o quante bottiglie di champagne all’anno: sono in fissa per le bollicine, confesso il mio peccato) vi potreste regalare smettendo di fumare o voi tabagisti !

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: